I film horror dell’estate 2019: Midsommar, IT 2, Annabelle 3 e gli altri

L'estate, si sa, è la stagione dell'orrore e in questo 2019 "horror" significa bambole e sette: da Isabelle a The Lodge, da Crawl a Ma ecco cosa ci aspetta in sala (assieme all'aria condizionata).

Nuovo nome, vecchie rubriche. Come l’anno scorso sul mare col pattino e quelli prima ancora, infatti, provo a darti una rinfrescata con l’elenco dei film horror in uscita in Italia nei prossimi, afosi, ineluttabili mesi. L’ordine in cui te li presento è quello di uscita in sala e potrebbe subire variazioni e – speriamo – aggiunte; per questo ti consiglio di salvare questa pagina nei preferiti ed eventualmente tornare a controllare titoli e date.

Non ti illudo: sarà un’estate di magra e pupazzetti. Con La Bambola Assassina già in giro (intendo in sala, eh), assisteremo anche al ri-ritorno della bambola più assassina dell’ultima decade, Annabelle. Sempre in ambito bambolotti e ritorni, il 25 luglio dovrebbe uscire The Boy 2, ma faremo finta di niente, anche perché ad oggi non c’è nemmeno un trailer.

Il mio fragile e tenero cuoricino però batte per altri tipi di ritorno: quello di Muschietti con il suo IT – Capitolo 2 e quello di Ari Aster (Hereditary), che questa volta ci porta a far festa in Svezia. Tornando, magari, ci fermiamo in una casucchia in Austria (credo), assieme al premiato duo di Goodnight Mommy. Partiamo?

I film horror in uscita in Italia nell’estate 2019

Horror Estate 2019: Ma, il poster del film

Ma

Data d’uscita italiana: 27 giugno
Cast: Octavia Spencer, Juliette Lewis, Luke Evans, Diana Silvers
Trama:

La giovane Maggie, minorenne, chiede ad una sconosciuta di comprare degli alcolici per lei ed i suoi amici; la sconosciuta dal fare affabile, Sue Ann, non solo accetta, ma coglie l’occasione per farseli tutti amici: offre ai ragazzi l’opportunità di utilizzare il suo seminterrato come luogo di ritrovo.

Sotto il suo tetto di Sue Ann, però, ci sono delle ferree regole da seguire: niente bestemmie, mai salire di sopra, chiamarla sempre e solo “Ma”. Presto l’ospitalità di Sue Ann si trasforma in qualcos’altro, qualcosa a metà strada tra l’ossessione e la vendetta.

Dico io:

Non è estate e non è horror senza la Blumhouse, la casa di produzione di Jason Blum, responsabile dei vari Paranormal Activity, Ouija, Insidious ed un sacco di notti del giudizio. Prima di roteare gli occhi, però, ricordiamoci che senza la Blumhouse non avremmo avuto Get Out e Whiplash, quindi armiamoci di santa pazienza e sopportiamo saghe e saghette in nome di un bene più grande.

A scrivere e dirigere Ma troviamo Tate Taylor, regista de La Ragazza del Treno e The Help. Sempre da The Help (2011) ci portiamo appresso il Premio Oscar alla migliore attrice non protagonista, Octavia Spencer. Che ci fa la Spencer in un film del genere? Uh, vorrei tanto dirti che un motivo c’è, ma il tomatometer al 57% va vacillare la mia fede.

Trailer: ita.


Horror Estate 2019: Annabelle 3, il poster del film

Annabelle 3

Titolo originale: Annabelle Comes Home
Data d’uscita italiana: 3 luglio
Cast: Vera Farmiga, Patrick Wilson, Mckenna Grace, Samara Lee
Trama:

I coniugi Warren (Wilson e la Farmiga) portano nel loro Museo dell’Occulto la bambola che ha già mietuto un bel po’ di vittime in Annabelle 2: Creation (prequel del 2017) e Annabelle (2014). I due fanno benedire la tenera bambolina dal loro prete di fiducia (chi non ne ha uno?) e la rinchiudono nella famosa teca di vetro consacrato.

Ed e Lorraine scoprono presto, però, che l’adorabile bambolina tende a fare comunella con le forze del male, che in quel luogo non mancano. La carente astuzia delle amichette della figlia (Mckenna Grace, Hill House) fa il resto: Annabelle esce dalla teca e buonanotte al secchio, ai suonatori, al vetro consacrato ed ai miei nervi.

Dico io:

Più che una saga, sta diventando una minaccia. L’unico barlume di speranza, in questa oscurità dominata dal jump-scare, è dato da Gary Dauberman, qui alla sua prima prova da regista, ma già sceneggiatore dei precedenti Annabelle, di The Nun e soprattutto dei due capitoli di IT di Muschietti.

Mentre scrivo però, il ricordo della battuta cardine di The Nun (“sono franco-canadese!”) sta già affievolendo quel barlume. Lo so che ogni volta sbeffeggio il “James Wan Universe” e poi finisco per seguirlo (e finanziarlo) lo stesso, ma… ehi, guarda! C’è Samara Lee – la piccola interprete di Annabelle “Bee” Mullins in Annabelle 2 – che bussa alla porta e chiede di giocare con la bambola!

Quindi Annabella torna a casa, che il caldo qua si fa sentire.

Trailer: ita #1, ita #2.


Horror Estate 2019: Midsommar, il poster del film

Midsommar – Il Villaggio dei Dannati

Data d’uscita italiana: 25 luglio
Cast: Florence Pugh, Will Poulter, Jack Reynor
Trama:

Dani, ancora traumatizzata dalla scomparsa dei genitori, accetta controvoglia di fare un viaggio in Svezia con il ragazzo ed alcuni amici in occasione della tradizionale festa di mezza estate. Il festival nel quale si ritrovano, però, è un po’ anomalo: dura 9 giorni, viene organizzato una volta ogni 90 anni ed è pieno così di figlio dei fiori.

Con lo scorrere delle ore, Dani e Chris si accorgono che i loro ospiti costituiscono in realtà una setta e che il loro culto è tutt’altro che dedito al peace & love. Non ci sono più gli hippy di una volta.

Dico io:

Le speranze di questa torrida, orrida estate sono riposte qui: in Midsommar di Ari Aster. Il regista newyorkese, al suo secondo lungometraggio, ha già dimostrato di saperci fare con le sette. E con le bambine. E con le nonne. E con i pali, con i pali più d’ogni altra cosa. Sì, mi riferisco ad Hereditary, uscito in sala da noi esattevolmente un anno prima di questo, con il quale Ari Aster si è guadagnato la mia piena ed imperitura fiducia.

Trailer: ita.


Horror Estate 2019: Isabelle, il poster del film

Isabelle – L’Ultima Evocazione

Data d’uscita italiana: 1 agosto
Cast: Amanda Crew, Adam Brody
Trama:

Matt e Larissa sono felici, benestanti ed in attesa del loro primogenito. Si trasferiscono in una nuova casa in un nuovo quartiere dove tutto sembra felice e benestante tranne la loro inquietante vicina. È proprio sotto i suoi occhi che Larissa inizia ad avere dei forti dolori che la portano a perdere il figlio ed a vivere un’esperienza post-mortem.

L’impossibile elaborazione del lutto e quel minuto di morte clinica fanno di Larissa la preda perfetta per la mortifera vicina, che non si limiterà più ad osservarla silente e sinistra dalla sua finestra.

Dico io:

Yawn. Poco da dire e poco da salvare in questo Isabelle, che sembra presentare elementi visti e rivisti in modi triti e ritriti. C’è anche quel titolone, poi, che richiama per assonanza Annabelle e per sottotitolo L’Evocazione in un momento nel quale Annabelle e James Wan – non so se si è capito – avrebbero anche un po’ stufato.


Horror Estate 2019: Crawl, il poster del film

Crawl – Intrappolati

Data d’uscita italiana: 15 agosto
Cast: Kaya Scodelario, Barry Pepper
Trama:

Un uragano di categoria 5 minaccia la Florida. Mentre viene ordinata l’evacuazione, Haley corre a salvare il padre, ma rimane intrappolata in casa a lottare contro il livello crescente dell’acqua, che porta con sé qualche simpatico e famelico coccodrillo.

Dico io:

Niente squali quest’estate: 48 Metri 47 Meters Down: Uncaged pare non avere una distribuzione italiana, non ci sono megalodonti all’orizzonte ed Open Water sembra volersi fermare al terzo capitolo. Per il prossimo anno proporrei di istituire una “quota squali”, perché è davvero inaccettabile un affronto del genere.

Ci tocca quindi consolarci con gli alligatori, che per carità, saranno pure non male, ma sono un ripiego, perché uno squalo è uno squalo e due squali sono uno studio legale. E poi “Alligatornado” suona proprio male. Dirige Alexandre Aja, uno con gli occhi nelle colline ed una certa dimestichezza con l’acqua (Piranha 3D). Produce Sam Raimi, ma niente, non basta.

Trailer: ita.


Horror Estate 2019: The Nest, il poster del film

The Nest (Il Nido)

Data d’uscita italiana: 15 agosto
Cast: Francesca Cavallin, Justin Korovkin, Ginevra Francesconi
Trama:

Samuel abita con la mamma e qualche domestico in una tetra villa immersa nei boschi. Costretto su di una sedia a rotelle, il ragazzo vive praticamente da recluso sino a che la giovane Denise non fa il suo ingresso nella tenuta, portando con sé musica ed abitudini diverse da quelle cui è relegato. La nuova amicizia porta Samuel ad un normale senso di ribellione che non piace per niente a mammà, perché c’è un motivo dietro la loro segregazione…

Dico io:

The Nest è il primo lungometraggio del barese Roberto De Feo, che con quel cognome – reale o d’arte che sia – dal sapore così “Amityville” non può che promettere grandi cose in campo horror. Dalle anteprime sembrerebbe che il film sia più un thriller a tinte noir che un horror in senso stretto, ma la curiosità di vedere quest’opera prima ambientata nel Castello dei Laghi permane.


Horror Estate 2019: The Lodge, il poster del film

The Lodge

Data d’uscita italiana: 22 agosto
Cast: Riley Keough, Jaeden Martell, Lia McHugh
Trama:

Richard ha due figli (Aiden e Mia), una moglie instabile, una relazione extraconiugale e tanto, tantissimo tatto. La sua sensibilità è così spiccata che, quando chiede alla moglie la separazione per potersi risposare, questa si suicida.

A frittata fatta, Richard scarica figli e fidanzata in una qualche sperduta casucchia in montagna e tante belle cose (anche a te e famiglia). Aiden e Mia si ritrovano così a dover vivere assieme a Grace, che – neanche tanto inconsciamente – incolpano della morte della loro madre.

Ma non finisce qui, eh. Perché a) i bambini scoprono che Grace è l’unica sopravvissuta ad un suicidio di massa organizzato da una setta cristiana; b) qualcuno o qualcosa, nella casucchia sperduta, sbatte porte e fa sparire cose.

Dico io:

A scrivere e dirigere ritroviamo gli austriaci di Goodnight Mommy, Veronika Franz e Severin Fiala (che sì, secondo me qualche problema in famiglia devono avercelo…). Aggiungici poi che la madre suicida è Alicia Silverstone, che la matrigna psicolabile è Riley Keough (Fury Road, It Comes at Night), che il paparino è Richard Armitage (Lo Hobbit) e il piccolo Aiden è il Bill di IT.

The Lodge è passato per il Sundance ed attualmente presenta un rossissimo 81% al Tomatometer. S’ha da vedere.

Trailer: eng.


Horror Estate 2019: IT 2, il poster del film

IT: Capitolo 2

Data d’uscita italiana: 5 settembre
Cast: Jessica Chastain, James McAvoy, Bill Skarsgård
Trama:

Esattamente 27 anni dopo le vicende del primo capitolo (2017), una nuova serie di sanguinosi omicidi terrorizza Derry. È Mike Hanlon – l’unico rimasto nel Maine – a contattare gli altri membri de “Il Club dei Perdenti”, che si erano ripromessi, anni e anni addietro, di finire il lavoro se It fosse ritornato. E, si sa, a volte ritornano.

Ormai adulti, Bev, Bill, Ben, Richie, Eddie (ma non Stan) raggiungono Mike nell’allegra cittadina dove “galleggiano tutti” per lo scontro finale con il male atavico, impersonato ancora una volta dal ghignante pagliaccio Pennywise.

Negli States il film esce il 6 settembre e non è un caso, dato che 6 + 9 + 2 + 0 + 1 + 9 fa 27, 27 come gli anni del salto temporale tra il primo ed il secondo film. Il suo prequel, It – Capitolo 1, venne sguinzagliato nelle sale americane l’8 settembre 2017. Indovina? 8 + 9 + 2 + 0 + 1 + 7 fa… sì, 27. E quanti anni separano la trasposizione televisiva del 1990 dal suo reboot? Sì, ci siamo capiti…

Dico io:

Ogni volta che una trasposizione degli scritti di Stephen King passa o torna in sala iniziano le sudate fredde. Questo 2019, per esempio, mi ha già tradita con il Pet Sematary di Kölsch e Widmyer, che si è messo proprio d’impegno per non piacermi. Non è stato così (e per fortuna!) con il primo capitolo di It il Pagliaccio di Muschietti, che – complice il paragone con la miniserie del ’90 – mi aveva convinta (quasi) appieno.

In questo It – Capitolo 2 alla regia ritroviamo Andy Muschietti e alla sceneggiatura lo stesso Gary Dauberman di Annabelle. Il cast (un signor cast!) è composto da tutti i piccoli grandi interpreti del primo capitolo e dalla loro versione adulta: James McAvoy, Jessica Chastain, Bill Hader, Isaiah Mustafa e un sacco di altri ghiotti nomi. Nelle vesti del pagliaccio, ovviamente, torna Bill Skarsgård, lo svedesone in grado di muovere gli occhi in maniera asincrona e divergente.

Secondo quanto trapelato, alcune scene escluse dal montaggio del primo capitolo saranno riproposte qui, con particolare riferimento ad una sequenza ambientata nel 1600 nella quale Pennywise divora un bambino. Sarà vero? Poco importa: quello di Muschietti è uno degli horror più attesi dell’anno, senza se e senza ma. o Ma.

Trailer: teaser ita.


E questo è più o meno tutto, per ora. Quale tra questi film horror aspetti con più interesse? Quale salterai fieramente? Ho dimenticato qualche titolo? Se sì, mi raccomando, fammelo sapere nei commenti e ricorda: mangia tanta frutta e verdura e non uscire nelle ore più calde.

Ehi, grazie di aver letto sin qui. Se questo post ti è piaciuto, puoi supportarmi facendolo girare sui social e sul webbe, perché sì la felicità è reale solo quando...

Condividimi!

2 commenti

  1. MikiMoz 24/06/2019
    • StepHania Loop 24/06/2019

E tu cosa mi dici?

Per commentare ti basta inserire i dati contrassegnati dall’asterisco e, se ti va, la url del tuo blog. Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato né usato per altri scopi, giurin giurello. Facendo click su “pubblica il commento” accetti il trattamento dei dati inseriti come descritto nella privacy policy. Ogni commento è prezioso per me. Grazie.